Scott Hamilton Quartet in concerto

Concerto dello Scott Hamilton Quartet al Museo Piaggio

Scott Hamilton, sax tenore
Paolo Birro, pianoforte
Aldo Zunino, contrabbasso
Alfred Kramer, batteria

SABATO 16 MARZO 2019 – ORE 21.00
AUDITORIUM MUSEO PIAGGIO

INGRESSO LIBERO – Prenotazione obbligatoria

Seguirà dolce degustazione insieme agli artisti.


Scott Hamilton è considerato il principale sassofonista mainstream di oggi. Scott, che è nato a Providence, Rhode Island, nel 1954, iniziò la sua carriera in anni musicalmente abbastanza selvaggi con uno stile che era allora al di fuori delle aspettative del pubblico, stile che poi diventò largamente comune tra tutti i nuovi interpreti. Il suo bellissimo sound e il suo impeccabile fraseggio erano rari tra i giovani talenti. Così quando firmò un contratto e cominciò ad incidere albums per la Concord Records, fu oggetto di autentica sorpresa ed eccitazione tra i devoti di questo stile e nell’intero panorama musicale. Il suo primo lavoro per la Concord, Scott Hamilton is A Good Wind Who Is Blowing Us No Ill risale al 1977 e prende il suo titolo da una lusinghiera recensione di Leonard Feather. Ma non si tratta che della prima di una memorabile serie di circa trenta albums. Scott si mette in evidenza suonando in una varietà di contesti, dal piccolo gruppo all’orchestra d’archi, in collaborazione con musicisti quali Ruby Braff e Dave McKenna. La sua costante è l’immaginazione creativa e il bellissimo e dolcissimo suono del suo saxofono. Pur entrando in contatto ed assimilando la lezione di John Coltrane, Scott continua a suonare la sua musica prediletta che per prima lo ha introdotto al jazz, le grandi ballads ed il blues, suonati con il cuore. Come un consumato interprete di standards, il caldo tenore di Scott Hamilton, unito al suo impeccabile senso dello swing, creano una atmosfera unica in ogni brano interpretato. Il suo quartetto “italiano” con il quale ha anche inciso due CD comprende Paolo Birro, affermato e versatilissimo pianista veneto, Aldo Zunino, genovese e Alfred Kramer, svizzero, costituiscono un tandem ritmico che in passato è già stato a servizio di grandissimi musicisti, quali Cedar Walton Art Famer e Clifford Jordan e che a sua volta ha all’attivo tre incisioni discografiche.


 

In occasione del concerto il Museo sarà aperto a partire dalle ore 20.00, dove sarà possibile cenare grazie alla collaborazione con le Ape di Tuscan Street Food.


INFO E PRENOTAZIONI

annalisa.rossi@piaggio.com
0587 271 727