L’artista non sono io

L’artista non sono io

Lucio Battisti umanamente uomo

Marco Masoni e Fabrizio Bartelloni presentano: Spiriti Solitari – Cantautori ascoltati, visti e raccontati

VENERDÌ 25 OTTOBRE – ore 21.00
Auditorium Museo Piaggio

INGRESSO GRATUITO


La serie di incontri denominata “Spiriti solitari” in cui Marco Masoni e Fabrizio Bartelloni raccontano, fanno ascoltare e fanno vedere i principali cantautori italiani prese il via da una serata di grande successo dedicata nel settembre 2018 proprio a Battisti, in occasione dei 20 anni dalla morte del più importante tra i cantautori italiani.

Adesso lo stesso appuntamento, fortemente modificato rispetto a quella ‘prima’, viene presentato Venerdì 25 ottobre alle 21:00 nell’auditorium del Museo Piaggio di Pontedera.

Sarà l’occasione per ripercorrere – in due ore tra informazione e intrattenimento che voleranno quasi senza accorgersene – circa 30 anni di storia della canzone italiana ai suoi massimi livelli: dagli esordi come chitarrista in gruppi da ballo fino alla ricerca e alla sperimentazione dei “dischi bianchi” scritti con Pasquale Panella, passando attraverso quella lunga collaborazione con Mogol che ha consegnato alla memoria collettiva i brani più conosciuti della canzone italiana.

Battisti che coniuga accordi non coniugabili;
Battisti che attraversa l’Italia a cavallo;
Battisti che tenta di sfondare – senza mai riuscirci – i mercati esteri cantando in francese, spagnolo, tedesco e inglese;
Battisti che era taccagno, che non era di destra, che faceva surf, che amava le rose;
Battisti che si commuove dopo aver registrato Emozioni;
Battisti che si diverte e che sperimenta col blues, col rock, col prog, con la disco e la dance;
Battisti adorato e imitato da De Gregori, da Fossati, da Baglioni e da mille altri;
Battisti che “questo disco deve suonare come nessun altro prima”;
Battisti che manca da morire a noi e alla musica.

Un vero e proprio viaggio dentro la vita, ma soprattutto l’opera di Lucio Battisti, attraverso ascolti, immagini, aneddoti e rarità discografiche.
Un’occasione veramente da non perdere per scoprire o riscoprire l’artista più cantabile, popolare e contemporaneamente più sperimentale e innovativo della musica d’autore.


INFO E PRENOTAZIONI
museo@museopiaggio.it
0587 271727